Perchè è nato TuiCat

Stiamo vivendo un periodo di profondo cambiamento del concetto di lavoro, profitto e produzione.
L'evolversi esponenziale della tecnologia e dell'automazione sostituirà sempre più il lavoro umano . Lo sviluppo di tecnologie come ad esempio le stampanti 3D cambierà a breve anche il settore della produzione, dello stoccaggio e del trasporto delle merci, riducendo ulteriormente il lavoro umano.
La maggior parte di noi è convinta che, per arrivare a questi livelli di sviluppo tecnologico, ci vorrà come minimo ancora mezzo secolo ma, come è scritto sopra, non si tratta di uno sviluppo lineare (cioè quello a cui siamo stati abituati sinora), ma di uno sviluppo esponenziale. Ciò significa che la tecnologia raddoppia le sue prestazioni ad ogni passaggio e quindi, in soli 5-6 passaggi si verificheranno i progressi e la situazione sopra delineati. Ciò avverrà all'incirca in 5-6 anni, NON in 50!
Un'altra obiezione, in un certo senso quasi opposta alla prima, sostiene che l’aumento esponenziale della tecnologia ci sia sempre stato e non abbia affatto causato conseguenze gravi.
Fino ad ora, però, i "numeri" della tecnologia risultavano piccoli e l'evoluzione esponenziale non incideva più di tanto nella vita quotidiana. Negli ultimi tempi, invece, la tecnologia ha raggiunto un livello tale che questi "numeri" son diventati grandi e, moltiplicando numeri grandi, il cambiamento è incommensurabile. Ne è la prova il fatto che, mai come ora, le multinazionali, le corporazioni e i grossi gruppi industriali e tecnologici stanno investendo miliardi di dollari nel settore della robotica ed automazione.

La maggior parte della popolazione non sarà in grado di comprendere questo cambiamento e adattarvisi. Cosa ben più grave, nemmeno l'attuale sistema politico-economico riuscirà ad adeguarsi ad un cambiamento così rapido.
Tutto questo porterà un risultato inevitabile: ulteriore riduzione del lavoro umano e minor denaro in circolazione. La conseguenza sarà che le persone, disponendo di sempre meno soldi, non potranno più accedere ai beni e servizi primari.
Tuicat vuole essere una delle soluzioni alternative al denaro che a breve e sempre di più dovranno nascere per far fronte al cambiamento. E’ ampiamente dimostrato che una società collaborativa funziona meglio di una società competitiva.

Qualche dato:
  • Fino a 2-3 anni fa, le stampanti 3D prodotte dai grandi marchi costavano decine di migliaia di euro. Oggi il costo si è ridotto a meno di 1,000 euro ed è già disponibile una stampante open source autoreplicante, (che puoi costruire da solo), a meno di 400,00 euro. Con queste stampanti si può replicare qualunque oggetto conosciuto in diversi materiali.
  • Fino a solo 3 anni fa avevamo computer e smartphone con processori ad 1 solo core. 2 anni fa i processori son passati a 2 core. L'anno scorso i processori sono passati a 4 core. E' appena stato immesso sul mercato uno smartphone con processore a 8 core. La capacitò di calcolo è cioè aumentata in modo esponenziale.
  • In Italia, la velocità della rete internet ADSL si aggira in media sui 20 Mbps (100 Mbps per chi è più fortunato e vive nelle grandi città cablate in fibra ottica).
    Solo 6 mesi fa, Google ha cablato in fibra ottica le prime città in America (Progetto Google Fiber) ed ha reso disponibile alla popolazione una rete ADSL con velocità pari ad 1 Gbps. In Australia, un team di ricercatori (tra i quali c'è anche un gruppo italiano [1]) è riuscito ad ottenere una trasmissione dati su rete ADSL con velocità pari ad 1 Tbps. A questo risultato stupefacente neanche una settimana dopo ha risposto Vodafone in collaborazione con Huawei [2] ottenendo una trasmissione dati pari a 2 Tbps.
  • Esistono software predittivi (cioè in grado di prevedere gli avvenimenti), software capaci di leggere ed interpretare le onde celebrali delle persone e degli animali ed applicarli alla robotica [3], software che guidano autoveicoli [4], software (come Siri e Google Now) in grado di comunicare ed interagire con le persone.
  • Grazie all'evolversi esponenziale della tecnologia e della robotica alcune aziende, che anni fa avevano delocalizzato la propria attività in Cina, stanno gradualmente riportando la loro produzione in Europa. E' caso della Philips che, utilizzando robot di ultima generazione, riesce ad ottenere una produzione più efficiente ed economica persino della manodopera cinese.
  • Un altro caso è quello della Foxtonn, multinazionale leader nel settore elettronico con più di 1 milione di operai, che nel giro di 3 anni aumenterà in maniera esponenziale il numero di robot facendoli passare dagli attuali 10.000 a circa 1 milione entro il 2014.

Alcuni video di approfondimento:

Cosa faranno la tecnologia, l’automazione e la robotica nei prossimi anni? Chi avrà in mano tutta questa tecnologia ? Come la sfrutterà? Che fine farà il lavoro umano?
Non siamo in grado di prevederlo, ma possiamo sin da ora cominciare a creare una società alternativa, dove questo potere sia in mano a ciascuno di noi
Fai parte anche tu del Tuicat Project. Diventa anche tu un Tuicatter